Monti Invisibili
Traversata Ovindoli - Celano
Quota 1.923 m
Data 29 marzo 2008
Sentiero segnato
Dislivello in salita 567 m
Dislivello in discesa 1.070 m
Distanza 14,70 km
Tempo totale 6:37 h
Tempo di marcia 6:05 h
Cartografia Il Lupo Velino-Sirente
Descrizione Ore 8,20 bus Arpa da Celano per Ovindoli. Da Ovindoli (1.376 m) per il Fontanile dei Curti (1.470 m, +55 min.), la Serra di Celano (1.923 m, +2,30 h), la Piana di San Vittorino (1.324 m, +1,25 h) e Celano (873 m, + 1,15 h). Bella traversata in ambiente ben innevato, con tratti di affondamento nella prima parte e discesa dalla serra estremamente ripida; splendida vista sulle sottostanti Gole di Celano dal cocuzzolo orientale della piana di San Vittorino.
 
06 Serra Celano log

Traccia GPS

07 Serra Celano dislivello
032CelanoMonumentoCaduti.JPG029PianadelFucino.JPG027PianadiSanVittorino.JPG026SerradiCelano.JPG024Celano.JPG023PianadelFucino.JPG021DallaSerra.JPG019Dario.JPG017AndreaDoddi.JPG015Aielli.JPG014SerradiCelano.JPG011DallaSerra.JPG010SerradiCelano009SerradiCelano.JPG008GruppodelVelino.JPG006VersolaSerra.JPG005SerradiCelano.JPG004VersolaSerra001VersolaSerra.JPG
Serra di Celano, 29 marzo 2008. Il sapore del caffè quando fuori è ancora buio; l’aria notturna che ti investe mentre ti dirigi verso le montagne lungo la consueta autostrada A24. La Serra di Celano c’era sempre sfuggita, considerata troppo “bassa” e troppo breve come camminata per le nostre abitudini. E invece ne è venuta fuori una magnifica traversata da Ovindoli a Celano, gestita con un primo tratto in bus per giungere da Celano a Ovindoli. E mentre aspettavamo la partenza abbiamo avuto modo di inoltrarci in una vecchia tabaccheria-libreria, gestita da un simpatico vecchietto, dove ho trovato tre libri ad argomento abruzzese. 
E poi via, con Andrea e Dario, attraverso un ambiente pesantemente innevato, con il passo pesante che frequente sprofonda. Il sole splende implacabile e l’aver dimenticato la crema protettiva ci procurerà una bella scottatura. Il Velino, il Gran Sasso, la Majella e le vette del Parco Nazionale si stagliano nitide quando affrontiamo con cautela la stretta cresta innevata che ci reca alla croce sommitale. E mentre ci rifocilliamo tutta la vasta e fertile piana del Fucino si stende sotto di noi simile a una carta geografica, oltre mille metri più in basso.
Raccolte le carabattole, è tempo di avviarsi per la ripidissima discesa verso Celano. Passi cauti, sprofondamenti nella neve, impuntate sulle rocce, prima di giungere al curioso e solitario terrazzo calcareo della Piana di San Vittorino, dal quale la vista precipita nelle gole di Celano. Gli ultimi passi attraverso un sentiero scavato nella roccia e siamo finalmente a Celano, dove una birra lava via la nostra sete.
 
Create a website