Monti Invisibili

Molise, Matese

Terravecchia e Altilia

Quota 950 m Data 3 giugno 2016

Sentiero non segnato Dislivello 135 m

Distanza 9,76 km Tempo di marcia 2:27 h

Cartografia IGM 162 III SE Morcone

Descrizione Dalle Masserie Parenti (835 m) per la Fontana Acquafredda (870 m, +12 min.), le rovine dell’abitato sannitico di Terravecchia (950 m, +37 min.) e ritorno per la stessa via (+50 min.). Poi dal santuario italico di San Pietro dei Cantoni (665 m) ad Altilia (555 m, +48 min.).


Oasi naturale di Guardiaregia

Quota 807 m Data 4 giugno 2016

Sentiero non segnato Dislivello 127 m

Distanza 2,55 km Tempo di marcia 2:15 h

Cartografia IGM 162 III NO Boiano

Descrizione Per il sentiero natura San Nicola WWF 1, con affaccio sulla Cascata di San Nicola e del Torrente Quirico.


Aggiornati Waypoint Matese

06-Sepino-log_1466146342827

Traccia GPS

07-Sepino-dislivello_1466146352853
096%20Sepino%20Santa%20Cristina.JPG088%20Torrone%20del%20Molise.JPG087%20WWF%20Guardiaregia.JPG080%20WWF%20Guardiaregia%20orchidea.JPG076%20WWF%20Guardiaregia%20Torrente%20Quirino.JPG074%20WWF%20Guardiaregia.JPG071%20WWF%20Guardiaregia%20Giulio.JPG068%20WWF%20Guardiaregia.JPG066%20WWF%20Guardiaregia.JPG064%20WWF%20Guardiaregia%20Cascata%20di%20San%20Nicola%202.JPG063%20Guardiaregia.JPG052%20Sepino.JPG049%20Sepino%20San%20Lorenzo.JPG044%20Valerio.JPG038%20Giulia%20Enrico%20Vittoria.JPG037%20Francesca.JPG032%20Altilia.JPG030%20Altilia.JPG029%20Altilia%20anfiteatro.JPG027%20Altilia%20anfiteatro.JPG026%20Altilia.JPG025%20Altilia.JPG024%20Vittoria%20e%20Elena.JPG023%20Altilia%20Porta%20Bojano.JPG022%20Altilia%20Porta%20Bojano.JPG020%20San%20Pietro%20dei%20Cantoni.JPG019%20San%20Pietro%20dei%20Cantoni.JPG018%20San%20Pietro%20dei%20Cantoni.JPG014%20Terravecchia.JPG011%20Fontana%20Acquafredda.JPG010%20Masserie%20Parenti.JPG006%20Sepino.JPG003%20Museo%20del%20Parco%20Geopaleontologico%20di%20Pietraroja.JPG001%20Pietraroja%20Ciro.JPG

Molise, Matese, Sepino, 2-5 giugno 2016. Erano anni che se ne parlava ed ecco che Francesca e Valerio ci invitano nella loro vasta e labirintica dimora molisana. Vasta abbastanza da contenere la nostra nutrita comitiva di dieci genitori e nove marmocchi; che poi alcuni ormai tanto marmocchi non sono più.

E così, approvvigionati di vettovaglie e provviste, all’alba (o quasi) della Festa della Repubblica siamo in viaggio a velocità vertiginose (se m’avete fatto beccare un autovelox …!) verso il tranquillo paesello di Sepino, ancora placido e ignaro della sua caotica sorte.

L’arrivo possiede i toni dell’invasione barbarica: autovetture parcheggiate ovunque; masserizie trasbordate con gran strepito; i paesani che strillano: “È tornato il signorino! È tornato il signorino!”.

Prendiamo agilmente possesso dei nostri quartieri, sparpagliandoci per i piani e i recessi della storica residenza.

Ma siccome come al solito non siamo qui per divertirci, eccoci subito fuori per svalicare in Campania fra nembi incipienti e solitarie praterie. E siamo a Pietraroja, al Museo del Parco Geopaleontologico dedicato a Ciro, al secolo Scipionyx samniticus, il piccolo dinosauro rinvenuto da queste parti.

Patatine, birra e una lauta cena concludono la giornata. Accalchiamo i pargoli in una stanza e ci ritiriamo finalmente sotto le coltri.

Il sole sorge e nell’affollata magione fervono i preparativi: dozzine di panini, cesti di frutta, pile di acqua, sacchi di caramelle; ogni ben di Dio viene accalcato negli zaini per affrontare la perigliosa esplorazione odierna alla scoperta di remote vestigia sannitiche e romane.

La sapiente ma incerta guida di Antonio e Patrizia ci conduce in un arzigogolo di stradicciole agli 835 metri delle Masserie Parenti, dove iniziamo la salita verso Terravecchia o Saipins (Sepino Sannita), roccaforte sannita della quale restano mura megalitiche e tre porte. E qui Patrizia ci sfianca con una descrizione minuziosa, prima di condurre la pipinara, fra rovi e cani ululanti, all’esplorazione del sito.

Altro labirinto di rotabili e siamo ai resti del santuario italico di San Pietro dei Cantoni, le cui antiche pietre, unite a quelle di una medievale abbazia, spuntano fra i fiori sotto le fronde di ombrose querce.

Sotto la sicura guida di Antonio, un celato percorso ci porta ora a piedi ad Altilia, o Saepinum (Sepino Romana), la grande città romana perfettamente conservata, dove, varcata la grande Porta Boiano, l’incantevole anfiteatro diventa palco di giuochi e schiamazzi per l’ormai stanca truppa.

E la sera, fra fuochi, fumo e fiamme, grazie a Valerio inforniamo una ventina di pizze per rifocillare tutta l’affamata ciurma.

Il sole splende per la gita odierna all’Oasi WWF di Guardiaregia - Campochiaro, accompagnati questa volta da Michele e Anastasia.

Percorso breve e interessante che sollazza grandi e piccini, fra multicromatiche fioriture e immense vedute sulle forre e le cascate di questo selvaggio territorio matese, dominato dalla mole severa del Monte Mutria, con i suoi 1.823 metri il più elevato della riserva.

Bojano ci accoglie per torroni, cioccolata e mozzarelle e la sera la solita cena da caserma conclude anche quest’ultima piacevole giornata molisana.


Create a website