Monti Invisibili
lisbona

268 Tram 28

lisbona

267 Miradouro de Santa Luzia

lisbona

262 Sintra Palacio da Pena

lisbona

256 Torre di Belem

lisbona

254 Lisbona Padrao dos Descobrimentos

lisbona

251 Lisbona Padrao dos Descobrimentos

lisbona

250 Lisbona Praca do Comercio

lisbona

247 Lisbona

lisbona

246 Lisbona giardino Amalia Rodrigues

cabo da roca

243 Cabo da Roca

cabo da roca

242 Cabo da Roca

cabo da roca

239 Cabo da Roca

cabo da roca

236 Cabo da Roca

cabo da roca

235 Cabo da Roca

sagres

228 Sagres Fortaleza Vittoria e Marco

sagres

221 Oceano Atlantico

sagres

212 Sagres

grotta di benagil

207 Algarve Grotta di Benagil

tavira

192 Ilha de Tavira

tavira

190 Tavira Santa Maria do Castelo

tavira

186 Tavira

mertola

184 Mertola

evora

164 Evora corrida

evora

162 Evora tempio romano

evora

161 Evora

evora

159 Evora

evora

147 Evora Capela dos Ossos

castelo de vide

139 Sastelo de Vide

idanha a vehla

135 Idanha-a-Velha

idanha a vehla

132 Monsanto

monsanto

131 Monsanto

monsanto

130 Monsanto

monsanto

123 Monsanto

monsanto

122 Monsanto

almeida

114 Almeida Vittoria

almeida

108 Almeida

porto

105 Porto Cattedrale Vittoria

porto

099 Porto Miradouro Serra do Pilar

porto ribeira

092 Porto Ribeira

porto

088 Porto Ponte Dom Luis I

porto

084 Porto tram

porto

082 Porto

guimaraes

074 Guimaraes

guimaraes

073 Guimaraes

bom jesus do monte

069 Santuario di Bom Jesus do Monte

braga

062 Braga Palazzo Raio

braga

061 Braga

aveiro

048 Aveiro Costa Nova

aveiro

043 Aveiro Costa Nova

aveiro

039 Aveiro

aveiro

034 Aveiro

aveiro

027 Coimbra

coimbra

026 Coimbra

coimbra

023 Coimbra

coimbra

018 Coimbra orto botanico

coimbra

012 Coimbra Cattedrale vecchia

eyJpdCI6Im5hemFy6CJ9

Portogallo, 8-24 agosto 2023

 

Dal diario di viaggio

 

Coimbra, 9 agosto 2023. Viaggiare pone in una prospettiva di vita completamente diversa da quella abituale. È per questo che i primi giorni di un lungo viaggio appaiono impegnativi e si fatica a entrare in sintonia con la nuova dimensione. I tempi sono diversi; l’attenzione deve essere focalizzata su aspetti altrimenti inusuali; i bisogni divengono più elementari, quasi da cacciatore: mangiare, bere, dormire, esplorare.
Poi presto ci si ritrova in questa vita nomade, che Chatwin considerava l’unica naturale, e il viaggio prende a scorrere senza fatica. E casomai al ritorno sorge il problema di incastrarsi nuovamente nella tediosa frenesia quotidiana.
Così ieri siamo balzati su un antelucano volo Ryanair per Lisbona; abbiamo agguantato la nostra Kia Stonic e ci siamo lanciati in un paesaggio brullo lungo l’Oceano Atlantico.
Nazaré, la patria del surf e delle onde giganti, è immersa nelle nebbie e nelle torme di turisti. Rari scorci su un mare enorme e su spiagge sconfinate.
Ancora cento chilometri verso nord e siamo a Coimbra, antica città universitaria, dove i fasti di un glorioso passato si fondono con le difficoltà del presente.
Il grande edificio universitario domina sulla ripida collina un dedalo di vicoli suggestivi, dalle costruzioni spesso fatiscenti. Le case degli studenti – uniti per facoltà o per regioni di provenienza – prendono il nome di Repubblica, a segnare un’autonomia organizzativa e amministrativa di cui in passato ha goduto l’università stessa. E sono costellate di graffiti, a contenuto politico, rivoluzionario od osceno, che qui hanno eletto ad attrazione turistica, perché probabilmente non hanno mai visto Roma.

 

Monsanto, 14 agosto 2023. In fuga dal turbine turistico di Porto, questa è stata una giornata che ti riconcilia con il viaggio e il Portogallo.
Oltre duecento chilometri sui saliscendi autostradali verso l’interno del paese, in un paesaggio scabro e arido dove sono evidenti i segni dei passati incendi. Una particolarità delle strade portoghesi e la quantità delle auto in panne che s’incontrano. Da noi sono una rarità, qui sono a dozzine; e alcuni oltre al triangolo regolamentare hanno anche appresso i coni rossi di segnalazione.
Saliamo di quota in un ambiente di pini ed eucalipti per dragare un ampio altopiano ondulato verso il confine spagnolo.
E poi Almeida, a 720 metri di quota, sotto un sole luminoso e grato. Una cittadella fortificata a forma di stella a pochi chilometri dalla Spagna. Ci aggiriamo in questa deserta sorta di Fortezza Bastiani, fra bastioni, cannoni e alloggi abbandonati.
Ancora strade solitarie verso sud, in un paesaggio che diviene un po’ più verde e rigoglioso. In lontananza appare alta Monsanto, dove ci arrampichiamo con una strada tortuosa fra querce da sughero e muretti a secco. Villaggio di pietra grigia perfettamente fuso all’interno di ciclopici massi, alcuni tondeggianti, altri squadrati, dove le costruzioni sono incastrate fra questi affastellamenti.
Mi arrampico sui sentieri verso i ruderi del castello – paleolitico, normanno, medievale – con sentori che mi rammentano Machu Picchu e Dun Aengus e una vista che si perde lontana fra Spagna e Portogallo.
Stretti camminamenti a fil di strapiombo e una cena locale prima di un quieto tramonto su valli lontane, mentre la torre batte nove rintocchi.

 

Sagres, 20 agosto 2023. Ushuaia, Unst, l’isola di Birsay, Wiseman, Upernavik e tanti altri luoghi fine del mondo dove sono stato. Sagres è uno di questi: il punto dove il Portogallo – e un po’ l’Europa stessa - finisce a sud-ovest. Un luogo desolato, silenzioso, dominio del vento, del mare e del cielo, capace di esercitare un fascino straniante sull’animo. Che in questi luoghi dove non può andare oltre, si ferma e trova pace, non potendo nient’altro anelare. Forse è un assaggio della quiete della morte.
Siamo arrivati qui ieri dopo una tirata lungo la turisticamente antropizzata costa dell’Algarve. Villaggi, grattacieli e un’urbanizzazione selvaggia devastano questo litorale, raggiungendo un’acme mostruosa nell’ex villaggio di pescatori di Portimão, ora preda di colossi di cemento.
Lo raggiungiamo per imbarcarci su un gommone d’altura (5.600 cc, 456 cv) e andare a scoprire dal mare queste incredibili falesie di arenarie costellate di grotte. E in portoghese algar vuol dire proprio grotta.
Dentro e fuori queste cavità marine, tempestate dai frangenti, veloci tirate a fil di onda, fino all’incredibile Grotta di Benagil, dai colori porpora e ocra e illuminata da un grande occhio sulla volta.
Purtroppo per me ormai il valore di un luogo non dipende più solo dalla sua bellezza, ma ne perde in maniera drastica con l’affollamento. E nella Grotta di Benagil c’è gente ovunque.
Come ieri sera a Cabo de São Vicente, con il faro che spazzava l’oscurità e il sole che si spegneva nel mare… e in una folla inusitata di gente e di automobili.
Oggi abbiamo goduto della fantastica desolazione di questo luogo e della sua splendida Fortaleza affacciata sulle falesie. Per poi terminare con un tuffo nelle gelide acque dell’Atlantico.

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder