Monti Invisibili
Monte Terminillo
Quota 2.216 m
Data 21 giugno 2015
Sentiero segnato
Dislivello 847 m
Distanza 14,05 km
Tempo totale 5:10 h
Tempo di marcia 4:12 h
Cartografia Il Lupo Monti Reatini Terminillo
Descrizione Da Pian de’ Valli (1.614 m) per il Rifugio La Fossa (1.505 m, +44 min.), la Sorgente Acquasanta (1.745 m, +35 min.), la Sella di Vall’Organo (1.831 m, +17 min.), la Cima di Vall’Organo (2.090 m, +34 min.), la Vetta Sassetelli (2.139 m, +20 min.), Monte Terminillo (2.216 m, +23 min.), Monte Terminilletto e il Rifugio Rinaldi (2.108 m, +32 min.), la Sella del Terminilluccio (1.818 m, +27 min.) e la macchina (+20 min.). Notevole raccolto di orapi al Rifugio La Fossa.
06 terminillo log

Traccia GPS

07 terminillo
07 terminillo

038 Terminillo

038terminillo

037 Terminillo monumento caduti

037terminillomonumentocaduti

036 Rifugio Rinaldi

036rifugiorinaldi

034 Verso Monte Terminilletto

034versomonteterminilletto

033 Monte Terminillo Garmin

033monteterminillogarmin

032 Monte Terminillo

032monteterminillo

031 Monte Terminillo

031monteterminillo

030 Vetta Sassetelli

030vettasassetelli

029 Rifugio La Fossa

029rifugiolafossa

027 Monte Terminilletto

027monteterminilletto

023 Monte Terminilletto

023monteterminilletto

021 Pian de Valli

021piandevalli

020 Monte Terminilletto

020monteterminilletto

019 Dalla Cresta Sassetelli

019dallacrestasassetelli

018 Cresta Sassetelli

018crestasassetelli

017 Cima di Vall Organo

017cimadivallorgano

016 Cresta Sassetelli

016crestasassetelli

014 Vall Organo

014vallorgano

013 Sella di Vall Organo

013selladivallorgano

010 Verso Sella di Vall Organo

010versoselladivallorgano

009 Verso Sella di Val lOrgano

009versoselladivallorgano

008 Sorgente Acquasanta

008sorgenteacquasanta

007 Sorgente Acquasanta

007sorgenteacquasanta

006 Pianura reatina

006pianurareatina

005 Rifugio La Fossa

005rifugiolafossa

003 Rifugio La Fossa

003rifugiolafossa

002 Rifugio La Fossa

Monte Terminillo, 21 giugno 2015. Spira un vento gelido in questo primo giorno d'estate quando alle 6,40 mi avvio da Pian de’ Valli lungo la placida carrareccia che costeggia il boscoso versante occidentale del Terminillo. In agevole cammino alterno conche di luce a oscuri antri alberati, mentre una lepre salta fuori da un cespuglio e raggiunge in un battito di ciglia velocità incredibili.
Alle mie spalle spariscono le costruzioni e gli impianti del comprensorio che – chissà come mai – nella tersa luce della giornata oggi non mi disturbano, ma al contrario donano a questo verde territorio un sentore alpino. Sensazione confermata dal pietroso Rifugio La Fossa, in splendida posizione sotto le pareti della Cresta Sassetelli. All'interno sei letti e una stufa, fuori un mare di orapi alla cui tentazione come sempre non resisto.
Abbandono la carrareccia e attacco una ripida salita nel bosco ancora oscuro di ombre e pervaso dei magici odori del mattino. Ai 1.745 metri il lungo fontanile della Sorgente Acquasanta mi dona una sorsata gelida e la prima vista sul Rifugio Rinaldi e sulla pianura reatina densa di nubi.
Pochi minuti per i 1.831 metri della Sella di Vall’Organo dove mi investe un vento feroce e l'ancora più tremenda vista del deturpato splendore dell'omonima valle. Mi arrampico su una spalla rocciosa ed eccomi sulla Cresta Sassetelli e non più di un minuto dopo alla poco pronunciata gobba della novella Cima di Vall’Organo, la scusa per tornare dopo tanti anni su queste montagne.
“E l’Eterno Iddio avendo formato dalla terra tutti gli animali dei campi e tutti gli uccelli dei cieli, li condusse all’uomo per vedere come li avrebbe chiamati, e perché ogni essere vivente portasse il nome che l’uomo gli avrebbe dato. E l’uomo diede dei nomi a tutto il bestiame, agli uccelli del cielo e a ogni animale dei campi”… ed evidentemente anche alle montagne.
Un po' perplesso mi gusto comunque la vista del lontano Gran Sasso, della Laga e del Vettore che si confondono con la mole verdeggiante del Monte di Cambio.
Riprendo il cammino lungo la panoramica Cresta Sassetelli, scavalcando il divertente peschio roccioso centrale, e mentre procedo con lo sguardo perso sulle opposte vedute, mi accorgo di aver rivalutato queste montagne che non ho mai pienamente apprezzato, considerandole troppo antropizzate e affollate. Ma è sufficiente trascurare la via breve per la più alta vetta e come nella zona del Monte di Cambio si può godere di sensazioni di vera montagna.
Ecco il cippo di vetta del Monte Terminillo, con le coordinate Garmin invertite, e la vista sul Rifugio Sabastiani denso di autoveicoli, gente e caciara… appunto.
Di nuovo in cammino verso i 2.108 metri del Monte Terminilletto che raggiungo in breve trovando il Rifugio Rinaldi inaspettatamente aperto e gestito, occasione da festeggiare con un bicchierino di amaro.
Sono solo le 11 ma la rilassante giornata di sentieri è quasi finita. Altri tre quarti d'ora e sono di nuovo a Pian de' Valli, in tempo per raggiungere la famiglia e un piatto di pasta con gli orapi, abbondantemente spolverata di pecorino.
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder