Monti Invisibili
Monte Cimone
Quota 2.165 m
Data 7 luglio 2013
Sentiero segnato
Dislivello 810 m
Distanza 12,35 km
Tempo totale 4:15 h
Tempo di marcia 3:47 h
Cartografia Multigraphic Alto Frignano e Appennino Modenese
Descrizione Dal parcheggio della frazione di Doccia (1.350 m) per la sterrata che sale al Pian Cavallaro (1.817 m, +1,07 h) e la vetta (+40 min.). Ritorno per il Monte Cimoncino (2.118 m, +10 min.) e la dorsale sud-est lungo i sentieri 447 e 489 (+1,50 h). Giornata estremamente ventosa e perturbata con la vetta avvolta nelle nuvole. Avvistata una marmotta.
06 monte cimone log

Traccia GPS

07 monte cimone dislivello
07 monte cimone dislivello

096 Capanna celtica

096capannaceltica

095 Doccia capanna celtica

095docciacapannaceltica

094 Doccia capanna celtica

094docciacapannaceltica

092 Gregge

092gregge

091 Scendendo dal Cimone

091scendendodalcimone

090 Monte Cimone

090montecimone

088 Monte Cimone

088montecimone

087 Monte Cimone

087montecimone

086 Monte Cimone

086montecimone

085 Verso monte Cimone

085versomontecimone

084 Verso monte Cimone

Monte Cimone, 7 luglio 2013. Sveglia all'alba per coprire i cinquanta chilometri verso l'ultima avventura della spedizione emiliana: i 2.165 metri del rilievo più elevato di questa regione. Solito inturcinamento di carrozzabili per la località di Doccia, sopra Fiumalbo, dove intraprendiamo la sterrata che in pigre e boscose svolte ci deposita fra nembi e vento ai 1.817 metri del Pian Cavallaro.
Ci immergiamo nella nebbia e guadagniamo in breve la ventosa vetta del Cimone, zona militare dell'Aeronautica chiusa all'accesso fino a pochi anni or sono e costellata di una quantità impressionante di costruzioni. Edifici di più piani, antenne, ripetitori, un eliporto, l'oratorio della Madonna della Neve, rimesse diroccate e camminamenti protetti dalla intemperie. Doveva essere ben particolare prestare servizio quassù durante i nevosi inverni e le luminose estati della Guerra Fredda.
Pochi passi per i 2.118 metri del Cimoncino e, confidando delle indicazione di un altro escursionista incontrato nella nebbia e della puntuale segnaletica, costruiamo per il ritorno un anello lungo la dorsale sud-est, abbandonando gradatamente brume e vento per pascoli alpini dal sapore scandinavo costellati di eriofori e torrenti. Alcune stupefacenti costruzioni celtiche e siamo infine alla vettura, dove terminano questi tre soddisfacenti giorni sull'Appennino Tosco Emiliano.
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder