Monti Invisibili
Monte Calvo
Quota 1.898 m
Data 7 settembre 2014
Sentiero non segnato
Dislivello 860 m
Distanza 16,36 km
Tempo totale 5:15 h
Tempo di marcia 4:06 h
Cartografia IGM 139 III SE Antrodoco
Descrizione Da quota 1.280 della sterrata verso Fonni di Cinno per lo Stazzo Serani, appena sotto Colle Raitto, (1.300 m, +9 min.), la sella di quota 1.687 (+1,30 h), Monte Caola (1.778 m, +10 min.) e la vetta (+25 min.). Ritorno per il Laghetto di Monte Calvo (1.847 m, +5 min.), il Fosso Valle Lunga, la sella di quota 1.687 (+30 min.), il fontanile di quota 1.505 (+30 min.), Fonni di Cinno e la macchina (+47 min).
06 monte calvo log

Traccia GPS

07 monte calvo dislivello
07 monte calvo dislivello

030 Fonni di Cinno e monte Giano

030fonnidicinnoemontegiano

029 Verso Fonni di Cinno

029versofonnidicinno

028 Fosso Valle Lunga

028fossovallelunga

026 Fosso Valle Lunga

026fossovallelunga

024 Laghetto di monte Calvo me

024laghettodimontecalvome

023 Laghetto di monte Calvo

023laghettodimontecalvo

018 Monte Calvo

018montecalvo

017 Verso monte Calvo

017versomontecalvo

016 Monte Vettore

016montevettore

012 Sibillini

012sibillini

010 Monte Giano e Terminillo

010montegianoeterminillo

009 Verso monte Caola

009versomontecaola

006 Monte Nuria

006montenuria

005 Monte Giano

005montegiano

003 Monte Giano

003montegiano

002 Monte Giano

002montegiano

001 Stazzo Serani

Monte Calvo, 7 settembre 2014. L'estate è immobile, in instabile equilibrio verso il lieve declivio dell'autunno e decido per una sortita assai temprana che mi porta ad affrontare il Monte Calvo, proprio di fronte al Giano della scritta DVX. Luogo di sabba infernali e stregoneschi, andrebbe forse asceso di notte, come suggeriscono le note di Musorgskij, e in effetti il sole sta appena lasciando le lontane creste mentre mi incammino solitario dai 1.295 dell'antico stazzo Serani.
La brevità del percorso e il meteo favorevole mi inducono nuovamente a una configurazione leggera, solo marsupio e fotocamera, e sotto il peso lieve il passo procede spedito lungo una dorsale gibbosa intorno alla quale si elevano i prossimi Giano e Nuria, la più lontana piramide del Velino e, con sommo stupore, un vicinissimo Vettore ammantato di nembi.
Lambisco una lunga muraglia di faggi danzanti, estremo baluardo di venti e bufere e, in continui saliscendi, dalla sella di quota 1.687 eccomi ai 1.778 metri del Monte Caola, dal quale il Terminillo appare prepotente dietro al Giano.
La croce di vetta è ormai prossima e presto raggiunta: sono solo le 9,30 ma al vicino e minuscolo Laghetto di Monte Calvo è per me già tempo del pranzo e di una carica di tabacco irlandese, che sciacqua via i sentori del recente caffellatte. Accendere la pipa in montagna non è semplice, ma come tutti i problemi anche questo va affrontato a viso aperto e il segreto è porsi arditamente di fronte al vento, con il lieve ma efficace schermo delle mani, invece di tentare inutilmente di evitarlo di spalle.
Riprendo il cammino e scendo nell’incassato Fosso Valle Lunga; dalla sella di quota 1.687, attraverso un sentiero di mezza costa e un'ombrosa faggeta, sono al bel piano erboso di Fonni di Cinno. Sfioro di nuovo l'abbandonato stazzo Serani e un solitario cane mi abbaia via.
 
Settembre, andiamo. È tempo di migrare.
Ora in terra d'Abruzzi i miei pastori
lascian gli stazzi e vanno verso il mare:
scendono all'Adriatico selvaggio
che verde è come i pascoli dei monti.
 
Han bevuto profondamente ai fonti
alpestri, che sapor d'acqua natia
rimanga né cuori esuli a conforto,
che lungo illuda la lor sete in via.
Rinnovato hanno verga d'avellano.
 
E vanno pel tratturo antico al piano,
quasi per un erbal fiume silente,
su le vestigia degli antichi padri.
O voce di colui che primamente
conosce il tremolar della marina!
 
Ora lungh'esso il litoral cammina
la greggia. Senza mutamento è l'aria.
Il sole imbionda sì la viva lana
che quasi dalla sabbia non divaria.
Isciacquio, calpestio, dolci romori.
Ah perché non son io cò miei pastori?
 
D’Annunzio, I pastori
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder