Monti Invisibili
Alpi Apuane
Quota 1.858 m
Data 18-19 luglio 2015
Sentiero segnato
Dislivello in salita 1.311 m
Dislivello in discesa 1.125 m
Distanza 15,82 km
Tempo totale 13:46 h
Tempo di marcia 9:07 h
Cartografia Multigraphic Alpi Apuane
Descrizione Primo giorno (6,38 h, +937 m, -287 m, 8,45 km): dal Rifugio Alto Matanna (1.047 m) per la Foce delle Porchette (979 m, +48 min.), la Foce di Petrosciana (961 m, +43 min.), il Passo dell’Arco sotto Monte Forato (1.160 m, +51 min.), Foce di Valli (1.258 m, +1,12 h), la Costa Pulita, il Passo degli Uomini della Neve (1.690 m, +1 h), la Focetta del Puntone (1.607 m, +15 min.) e il Rifugio Rossi alla Pania (1.609 m, +10 min.). Splendida traversata in ambiente aspro e selvaggio, ma con condizioni climatiche di alta temperatura ed elevata umidità con scarsa o nulla visibilità sul mare e sulla pianura.
Secondo giorno (7,08 h, +374 m, -838 m, 7,37 km): dal Rifugio Rossi (1.609 m) per la Focetta del Puntone (1.607 m, +10 min.), il Callare della Pania (1.824 m, +28 min.), la Pania della Croce (1.858 m, +7 min.), il Pizzo delle Saette (1.720 m, +1,03 h), la Borra di Canala, la Focetta del Puntone (+1,10 h), il Rifugio Rossi (+10 min.) e Piglionico (1.130 m, +1 h). Giornata calda ma ventilata con visibilità sul mare. Cresta per il Pizzo delle Saette impegnativa, esposta e spettacolare. Avvistato un muflone nella salita al pizzo.
06 alpi apuane log

Traccia GPS

07 alpi apuane altimetria
07 alpi apuane altimetria

082 Borra di Canala

082borradicanala

081 Discesa dal Pizzo delle Saette

081discesadalpizzodellesaette

080 Pizzo delle Saette

080pizzodellesaette

077 Pizzo delle Saette Massimo

077pizzodellesaettemassimo

075 Cresta delle Saette

075crestadellesaette

070 Cresta delle Saette

070crestadellesaette

069 Cresta delle Saette

069crestadellesaette

065 Cresta delle Saette

065crestadellesaette

064C resta delle Saette

064crestadellesaette

061 Pania della Croce

061paniadellacroce

060 Pania della Croce

060paniadellacroce

059 Alpi Apuane

059alpiapuane

058 Forte dei Marmi

058fortedeimarmi

056 Pizzo delle Saette

056pizzodellesaette

054 Verso Callare della Pania

054versocallaredellapania

051 Focetta del Puntone

051focettadelpuntone

050 Focetta del Puntone

050focettadelpuntone

049 Pizzo delle Saette

049pizzodellesaette

047 Rifugio Rossi

047rifugiorossi

046 Rifugio Rossi e Pizzo Saette

046rifugiorossiepizzosaette

045 Rifugio Rossi

045rifugiorossi

043 Cresta delle Saette

043crestadellesaette

042 Rifugio Rossi

042rifugiorossi

040 Rifugio Rossi

040rifugiorossi

039 Rifugio Rossi e Pania Secca

039rifugiorossiepaniasecca

036 Segnale CAI

036segnalecai

035 Elicottero

035elicottero

034 Costa Pulita

034costapulita

031 Costa Pulita

031costapulita

029 Verso Foce di Valli

029versofocedivalli

027 Verso Foce di Valli

027versofocedivalli

025 Monte Forato

025monteforato

023 Monte Forato

023monteforato

022 Monte Forato

022monteforato

021 Monte Forato e Pania della Croce

021monteforatoepaniadellacroce

019 Verso Monte Forato Massimo

019versomonteforatomassimo

018 Foce di Petrosciana

018focedipetrosciana

016 Verso Foce di Petrosciana

016versofocedipetrosciana

015 Pania della Croce

015paniadellacroce

014 Da Foce delle Porchette me

014dafocedelleporchetteme

012 Monte Corchia

012montecorchia

011 Da Foce delle Porchette

011dafocedelleporchette

010 Foce delle Porchette

010focedelleporchette

009 Foce delle Porchette

009focedelleporchette

008 Verso Foce delle Porchette

008versofocedelleporchette

006 Rifugio Alto Matanna

006rifugioaltomatanna

003 Rifugio Alto Matanna

003rifugioaltomatanna

002 Rifugio Alto Matanna

002rifugioaltomatanna

001 Rifugio Alto Matanna

Alpi Apuane, 18 e 19 luglio 2015. Come avevo scritto anni or sono, Alpi e Appennino sono due mondi alquanto diversi: femmine smaccate nella loro bellezza le prime, maschio geloso delle proprie meraviglie il secondo. E poi c’è la catena delle Apuane, facente parte dell’Appennino ma che si fregia del nome di Alpi: montagne spigolose e aspre che lasciano poco all’immaginazione nel loro evidente splendore. Lo stesso nome è una sintesi di Alpi e Appennino, dove la radice celtica pen – altura, cima, monte – si ritrova in apuano, appennino e anche nel toponimo pania di molti di questi rilievi.
E allora, novello Orlando Furioso, eccomi in treno che sono le 5 con Enrico verso Firenze, dove il buon Massimo con il gruppo escursionistico Il Crinale ha organizzato una traversata di due giorni di questi Monti della Luna, come li appellava duemila anni fa Strabone.
Lunghe e tortuose strade nel tormentato territorio apuano e sono già le torride dieci e trenta quando finalmente con Antonio e Massimo calziamo gli scarponi ai 1.047 metri del Rifugio Alto Matanna. Una babbiona fiorami abbigliata ci da il benvenuto, esprimendo stupore e costernazione per la nostra impresa e ammonendoci che dove noi pensiamo di andare non c’è neanche segnale per il cellulare!
Per nulla intimoriti da tale orrida minaccia, aggrediamo senza indugio il sentiero che ci conduce al primo stupefacente affaccio della giornata: i 979 metri della Foce delle Porchette, dove al di là di una sprofondante veduta ci appare tutto l’accidentato percorso odierno e la lontana svettante Pania della Croce.
Ci lasciamo alle spalle il singolare torrione del Procinto e al riparo di ombrose fronde procediamo spediti su eleganti sentieri marmorei fino ai 961 metri della Foce di Petrosciana, dove il caldo ha ormai il sopravvento e non c’è più borraccia capace di dissetarci. L’Appennino è tutto calcare e carsismo, ma sulle Apuane il fenomeno è particolarmente profondo e non c’è un ruscello, una fonte, un rivolo: tutto inghiottito nelle viscere della terra in una mancanza d'acqua angosciante. E i sentieri, pur marcati, sono dissestati di pietre e insidioso paleo, questa erba ruvida e filiforme che cela alla vista e al passo asperità e trappole. Una camminata da queste parti vale doppio.
È solo stupore alla vista del Monte Forato, con il suo grande arco naturale figlio dell’acqua e del vento, dove alcuni buontemponi appesi a non proprio novelle corde dondolano nel vuoto con vista sulla lontana valle.
Il caldo e lo stordimento sono ormai sgraditi compagni mentre ci avviamo ai 1.258 metri della Foce di Valli lungo un'ampia dorsale dalle splendide contrapposte vedute, anche se il vicino mare e solo una lattiginosa barriera di foschia. Da questo ripiano erboso fra Versilia e Garfagnana ci appare imponente la Pania della Croce e sotto un sole martellante attacchiamo l’assolata Costa Pulita che ne risale ripida il versante meridionale. Le gambe sono pesanti; ma se anche sui sentieri a volte arranchi, nei ricordi voli sempre.
Una leggera brezza ci investe finalmente ai 1.690 metri del Passo degli Uomini della Neve, dove i valligiani versiliesi e garfagnini salivano per approvvigionarsi della neve che rimaneva fino alla tarda estate nei versanti riparati dal sole. Pochi minuti ancora per la Focetta del Puntone e poi per i 1.609 metri del Rifugio Rossi alla Pania, in bella posizione sotto l'Uomo Morto e dove ci attendono Beppe e Luciano.
Con una birra calda ammiriamo il sole arrossare la Pania Secca, mentre il rifugio si riempie e un ruvido toscano è il giusto accompagnamento per questa aspra terra.
Cena scarsa e notte rovente nella stipata camerata. Nell'oscurità poi spariscono tutti silenziosamente per andare ad ammirare l'alba dalla cima della Pania. Colazione come la cena e con il primo sole siamo in marcia verso la Pania della Croce.
Giornata calda ma non torrida e confortati da una lieve brezza in breve siamo ai 1.858 metri della Regina delle Apuane, dove si spalanca tutto questo inquieto selvaggio roccioso spigoloso mondo che sembra una pagina di Google Earth quando amplifichi l’elevazione. Il vicino Monte Corchia, il Sumbra, il Contrario, il Pizzo d'Uccello e sua maestà il Pisanino; più lontani nelle foschie l'Alpe di Succiso, il Cusna e il Cimone. E ancora valli profonde e incise, fianchi aspri squarciati dal candore delle cave e dalle lunghe ferite delle vie di lizza; e infine lo scintillio del Mediterraneo e nelle brume la curvatura appena accennata del Golfo di La Spezia. Indugiamo a lungo sotto la grande croce di questo balcone sulla Garfagnana e sulla Versilia.
Poi in veloce drappello caliamo sull’esile cresta che si avvia verso il Pizzo delle Saette, mole rocciosa e articolata di arditi speroni. È del tutto evidente che non è transitabile. E invece in precario equilibrio fra verticali strapiombi procediamo verso il cielo sugli affastellati e aerei massi. Un paesaggio lunare e scabro ci accompagna a un ripido canalino di sfasciumi e mentre un muflone sgambetta via, siamo in vetta, dove lo sguardo si perde di nuovo in un’aerea visione di questo mondo apuano, sconvolto di fratture, abissi e doline.
Scendiamo ora nel torrido vallone roccioso della Borra di Canala e poi finalmente il rifugio, dove ci affoghiamo di acqua e ci perdiamo in soddisfatte chiacchiere con altri escursionisti.
Rimane solo l’oretta di cammino nel bosco per Piglionico, con l’aria che scalda a ogni metro di discesa. E ancora un paio d’ore di strada per Firenze, la cena con Massimo e Manuela, il treno per Roma, un passaggio per casa, finalmente una doccia e a letto che è ormai mezzanotte.
Grazie al Crinale per questa prima splendida due giorni apuana.
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder